il MAB

goccia MAB

Nel 1971 l’Assemblea Generale dell’UNESCO approva la nascita di un Programma Intergovernativo denominato “Man and Biosphere” (MaB), “Uomo e Biosfera”.

Il programma, è il risultato della proposta di un gruppo internazionale di scienziati in quarant’anni si è evoluto in un complesso insieme di attività di ricerca applicata alla gestione degli ecosistemi terrestri ed acquatici.


Il programma MaB è noto per aver dato vita ad una rete mondiale di “Riserve della Biosfera” (“Biosphere Reserves”): attualmente sono 631 distribuite in 119 paesi del mondo e il loro numero è in continua crescita.

Le aree riconosciute sono territori dalle svariate tipologie paesaggistiche (dai deserti ai parchi urbani) e dalle dimensioni più diverse (da pochi ettari a molte migliaia di chilometri quadrati).

Il Parco del Po Cuneese e il Parc naturel Régional du Queyras hanno promosso, nell?ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera ALCOTRA (Alpi Latine COoperazione TRAnsfrontaliera) Italia-Francia 2007-2013, il Piano Integrato Transfrontaliero (PIT) ?Monviso: l?uomo e le territoire? che si pone come obiettivo complessivo lo sviluppo, a partire dalle relazioni esistenti tra le persone e il territorio, dell?area del Monviso, attraverso interventi interconnessi e partecipati, in grado di promuovere la tutela e la valorizzazione delle risorse locali e una fruizione ?slow? ed integrata.

Formalmente, le attività del PIT MONVISO sono iniziate il 29.01.2010 e si sono concluse il 25.07.2013.

Le ultime dal MAB

goccia Le ultime dal MAB
Monviso Unesco: risultati e prospettive del progetto Alcotra GouvMab Monviso

Monviso Unesco: risultati e prospettive del progetto Alcotra GouvMab MonvisoSi è tenuto venerdì 30 ottobre a Saluzzo l’evento conclusivo del progetto Alcotra GouvMab Monviso. Protagonisti gli staff del Parco del Po Cuneese e del Parco del Queyras, cui si deve la regia del lavoro di censimento d


Viaggio nel “mondo MaB” francese

Viaggio nel “mondo MaB” franceseUn interessante viaggio studio è stato svolto dallo staff tecnico del Parco del Po Cuneese che sta seguendo la realizzazione del progetto Alcotra GouvMaB Monviso.


La Riserva MaB si presenta!

La Riserva MaB si presenta!Il Parco del Po cuneese ed il Paro del Queyras hanno realizzato, all'interno del Progetto Alcotra "GouvMab Monviso" il primo depliant di presentazione della Riserva della Biosfera transfrontaliera del Monviso.


I Parchi del Monviso e del Queyras rilanciano la collaborazione e i programmi comuni

I Parchi del Monviso e del Queyras rilanciano la collaborazione e i programmi comuniI neo-nominati Presidenti dei Parchi naturali del Queyras e del Monviso, Christian GROSSAN e Gianfranco MARENGO, hanno coordinato una riunione di lavoro a Salbertrand, martedì 29 marzo, alla presenza della Vice Presidente del parco francese, m.me Valérie


Il calendario degli eventi della rete Cets Monviso

Il calendario degli eventi della rete Cets MonvisoIl Calendario degli eventi proposti dagli aderenti alla rete della Carta Europea del Turismo sostenibile dell'area del Monviso


Secoli di storia attraverso il Re di Pietra

Secoli di storia attraverso il Re di PietraUna breve pubblicazione della Regione Piemonte ripercorre la storia del Buco di Visto, il primo traforo europeo, attraverso gli interventi di messa in sicurezza e la valorizzazione del Gran Tour del Monviso

Monviso.eu utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento